Clima

Vota!
Clima Voto medio: 4.6/5
Voti totali: 10
Lascia il tuo voto:

AMBIENTE: CLIMA ed ENERGIA dopo la Brexit

Articolo del 1/07/2016 ore 15:38
Tempi duri per la Gran BretagnaL'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea ha destato molti interrogativi su quello che accadrà nei prossimi mesi. L’unica certezza è che il Paese dovrà passare mediante un negoziato biennale. Al momento non si capisce quale sarà il ruolo di Londra nell'agenda climatica internazionale. E' forte il rischio che vengano messi in discussione i patti della Cop21. La preoccupazione colpisce anche le organizzazioni ambientaliste, visto che molte leggi sulla natura e la salute sono state redatte quando la Gran Bretagna era sotto l'Europa. Allo stato attuale delle cose gli scenari sono difficili da comprendere. Quel che è certo è che l'Europa andrà avanti con i progetti e cer ...
Continua a leggere...

AMBIENTE: si allontana il progetto del GRAN CANAL in NICARAGUA

Articolo del 1/07/2016 ore 14:50
Uno scorcio del lago NicaraguaAllarme nei pressi del lago Nicaragua. Gli abitanti dei villaggi limitrofi (specialmente lungo il rio San Juan) vivono ore di viva preoccupazione per la realizzazione di un progetto molto ambizioso. Si tratta del canale transoceanico che mira a trasformare un corso d'acqua collocato nel cuore nella foresta vergine in un canale di navigazione. La profondità prevista è di una trentina di metri. La larghezza prevista è compresa tra i 230 e i 520. In questi luoghi incontaminati si vive di pesca e agricoltura oltre che di turismo. Il rischio è che decine di comunità indigene vengano sfrattate: da considerare anche che questa zona è caratterizzata da una forte ricchezza della biodiversit&agra ...
Continua a leggere...

AMBIENTE: in Cina una parte dell'ENERGIA potrebbe venire dal VENTO

Articolo del 1/07/2016 ore 13:40
Una pala eolicaTra quattordici anni l'energia eolica potrà soddisfare il 26% della domanda energetica in Cina. Una crescita vertiginosa, se si pensa che l'anno passato la percentuale si assestava intorno al 3%. Sarà prioritario costruire nuovi parchi eolici in zone dove si potrà integrare la nuova produzione in una rete elettrica già presente. Per ottemperare all'impegno del vertice di Parigi, la Cina dovrà quindi investire molte risorse in energie rinnovabili. Sarà fondamentale, per ottenere questo obiettivo, l'integrazione tra impianti eolici e centrali a carbone. Si attendono ulteriori sviluppi onde arrivare alla meta nel tempo più breve possibile. Cliccando sul seguente link e mettendo il ...
Continua a leggere...

AMBIENTE: l'INQUINAMENTO LUMINOSO anticipa la PRIMAVERA

Articolo del 30/06/2016 ore 16:10
L'inquinamento luminoso è da non sottovalutareUna ricerca ha scoperto che nel Regno Unito le luci artificiali favoriscono il germogliare degli alberi una settimana prima del loro ritmo consueto. Si tratta della prima volta in cui la relazione tra inquinamento luminoso e data dello schiudersi delle gemme viene testata su scala nazionale. Questo studio è stato supportato da dati raccolti da volontari del continente. E' stata riferita a tal proposito la data di germogliamento di faggi, querce, sicomori e frassini. Successivamente i dati sono stati confrontati con immagini satellitari al fine di rilevare l'inquinamento luminoso delle zone in questione. Adesso c'è la problematica inerente a ripercussioni a catena di questo fenomeno. L'anticip ...
Continua a leggere...

AMBIENTE: è la città di PADOVA a detenere il record delle PISTE CICLABILI ...

Articolo del 30/06/2016 ore 15:24
Padova prima per piste ciclabiliE' Padova ad avere la più alta dotazione di piste ciclabili in rapporto alla superficie comunale: ben 177 chilometri ogni 100 chilometri quadrati. Sono in crescita anche i servizi di car-sharing, presente in 23 città con più di 4000 veicoli, e bike-sharing, presente in 60 città, con 11.000 biciclette a disposizione per il pubblico e 1.200 postazioni di prelievo e riconsegna. Un'ottima notizia, specie pensando al discorso ecologico e al risparmio energetico. Cliccando sul seguente link e mettendo il "MI PIACE" sarete aggiornati in maniera esclusiva ed automatica su tutte le nostre NEWS, a tema meteorologico, ma non solo! <a href="https://www.facebook.com/ILMeteo/?ref=bookmar ...
Continua a leggere...

AMBIENTE: il CEMENTO divora 8 Km di costa all'anno

Articolo del 29/06/2016 ore 15:54
La cementificazione è molto pericolosa in chiave ambientaleAllarme per le spiagge italiane. Questa volta però non è l'inquinamento al centro del problema ma l'urbanizzazione galoppante che rischia di dimezzarle. Infatti, secondo recenti stime, poco più della metà dei litorali italiani è stata trasformata da case e palazzi. Negli ultimi decenni il ritmo è stato di 8 km all’anno. Un terzo delle spiagge è interessato da fenomeni erosivi in forte e rapida espansione. Il consumo del suolo (occupazione di industrie, porti e infrastrutture) e il già citato inquinamento forniscono un quadro assai preoccupante sulle nostre spiagge. I cambiamenti climatici rendono quindi le nostre coste molto fragili e mettono anche a repentaglio l ...
Continua a leggere...

AMBIENTE: Amazzonia a rischio [VIDEO ESCLUSIVO de iLMeteo.it]

Articolo del 28/06/2016 ore 15:28
Amazzonia, terra a rischioSono ben 31 i "fronti di deforestazione" che stanno mettendo sotto pressione l'integrità della foresta amazzonica, enorme polmone verde del Pianeta, con i suoi 6,7 milioni di km quadrati di foresta. Le cause sono molteplici: agricoltura e allevamento non sostenibili, oltre ad ambienti fluviali minacciati da oltre 250 progetti di costruzione di grandi dighe, che rischiano di avere impatti devastanti sul regime idrologico e sulla sopravvivenza di specie di pesci migratori uniche al mondo. Non solo: a minacciare questo grande spazio verde ci sono i progetti di costruzione oltre alla possibile espansione del settore minerario e dell'estrazione di idrocarburi. Al momento il 17% delle foreste &e ...
Continua a leggere...

CALIFORNIA: la SICCITA' rischia di decimare le FORESTE [VIDEO ESCLUSIVO de ...

Articolo del 28/06/2016 ore 15:14
Le foreste della California sempre più a rischioIl servizio forestale statunitense ha fornito un quadro piuttosto allarmante sulle foreste californiane della Sierra Nevada, colpite da flagelli come siccità, caldo e parassiti. Le cause sono molteplici: le scarse precipitazioni e le alte temperature, oltre ai distruttivi focolai di bostrico (coleotteri che si cibano di rami e tronchi). Il problema è che il livello di deforestazione sta crescendo a dismisura. Per il Paese si tratta del quinto anno di siccità: questa situazione rischia di ripercuotersi sull'uomo, perché favorisce incendi che toccano anche le abitazioni. A tal proposito sono stati stanziati ben 32 milioni di dollari e sono stati rimossi 77.000 alberi malati, che potrebbero costituire un pe ...
Continua a leggere...

CLIMA: dopo BREXIT, a rischio la tutela dell'AMBIENTE

Articolo del 28/06/2016 ore 15:10
Smog a LondraEffetto boomerang sulla Brexit: si teme infatti che il Regno Unito, ora che è uscito dall'Unione Europea, possa favorire l'allentamento dei limiti anti-inquinamento. I limiti posti dall'Unione Europea alle emissioni nell'atmosfera permisero alla ong (organizzazione non governativa,ndr) di fare causa al governo di Londra perché in alcune città sono stati oltrepassati i limiti: queste azioni hanno costretto la Gran Bretagna a liberare le spiagge dai liquami. Inoltre, sempre dalla Ue nascono le tutele per l'habitat e la fauna selvatica. La Gran Bretagna inoltre, deve a Bruxelles la spinta a riciclare i rifiuti. Lo stesso dicasi per la questione inerente ai pesticidi. Tirando le somme, quest'uscita (inaspettata?) da ...
Continua a leggere...

AMBIENTE: in SIBERIA l'eco dell'ultima era GLACIALE

Articolo del 28/06/2016 ore 13:56
In Siberia ancora tracce dell'ultima era glacialeL'ultimo periodo glaciale ( detta anche la glaciazione Würm,ndr) terminò circa 12.000 anni fa. In Siberia c'è però l'eco di questo periodo. In questo luogo i cambiamenti climatici non hanno avuto presa sulle foreste di larici presenti. Il permafrost (terreno perennemente ghiacciato,ndr) si e' diffuso in una vasta area, confinando a sud pini e abeti. I larici siberiani invece, si sono espansi in aree protette dalla regione in quanto dotati di radici più superficiali, che gli consentono di sopravvivere anche a piccoli scioglimenti appunto, del permafrost. Le radici hanno consentito quindi di conservare nel suolo il freddo: in questo modo i pini ed abeti si sono sviluppati più tardi. ...
Continua a leggere...