Meteorologia e Scienza

Vota!
Meteorologia e Scienza Voto medio: 4/5
Voti totali: 1
Lascia il tuo voto:

SCIENZA: è possibile ricostruire il Dna tramite un batterio sintetico

Articolo del 23/08/2016 ore 14:42
Il batterio Escherchia Coli visto al microscopio La scienza si muove incessantemente, anche per trovare nuove cure. E' stato recentemente dimostrata, per la prima volta in assoluto, la possibilità di ottenere in laboratorio forme di vita dal materiale genetico interamente progettato al computer. Si aprirebbe così, una nuova frontiera della scienza che prevederebbe in un futuro non troppo lontano: si potrebbe procedere ad esempio, alla creazione di batteri immuni ai virus al servizio di biotecnologia e farmacia. Le ricerche continuano incessantemente, al fine di trovare al più presto un risultato soddisfacente: il mondo della medicina attende con impazienza di aprire un nuovo, entusiasmante capitolo. Cliccando sul seguente link e mettendo il "MI PIA ...
Continua a leggere...

ASTRONOMIA: una serie di PIANETI per salutare le STELLE CADENTI [VIDEO]

Articolo del 11/08/2016 ore 15:27
Annata record per le Perseidi?Il dieci Agosto non è stata solo la notte di San Lorenzo ma anche la sera in cui si è potuto notare l'allineamento di Venere, Mercurio, e Giove, e poi di Marte e Saturno. Questo evento suggestivo si ripeterà anche tra l'11 e il 12 agosto, quando ci sarà il picco delle meteore. Si prevede un'annata da record, con picchi di 200 meteore l'ora, il doppio di quelle che si registrano gli altri anni. A far la parte del leone è Giove, il quale, a causa di un favorevole gioco di posizioni riuscirà ad incanalare verso la Terra, con la sua forza di gravità, un numero maggiore del solito di particelle provenienti dalla cometa Swift-Tuttle. Per osservare le scie luminose lasciate da ...
Continua a leggere...

ASTRONOMIA: il SOLE sta INGOIANDO una COMETA

Articolo del 9/08/2016 ore 15:32
La cometa si sta avvicinando al sole L'Osservatorio solare Soho (Solar and Heliospheric Observatory), gestito da Nasa e Agenzia Spaziale Europea (Esa), ha rilevato che il Sole starebbe ingoiando una cometa: si tratta del fenomeno più spettacolare degli ultimi 21 anni. Secondo gli astronomi questa cometa è probabilmente il corpo celeste più veloce del Sistema Solare, con una velocità di 450 chilometri al secondo. Nelle prossime ore la cometa stessa sarà destinata ad evaporare. Questo corpo celeste infatti fa parte delle Kreutz Sungrazers, dette "comete suicide": prendono il nome dell'astronomo tedesco Heinrich Kreutz (1854-1907) che le studiò nel corso del XVIII secolo. I frammenti di questa cometa trans ...
Continua a leggere...

SCIENZA: le correnti OCEANICHE sembrano QUADRI CONTEMPORANEI

Articolo del 5/08/2016 ore 18:33
Quando scienza e arte si fondono All'apparenza scienza e arte sembrano due discipline piuttosto distanti: in queste foto invece appare una magica simbiosi tra di loro, con le correnti oceaniche che fanno apparire il globo terrestre come un gigantesco quadro di Van Gogh (1853-1890) e per la precisione " la notte stellata", olio su tela databile al giugno del 1889. E' importante ricordare come la misurazione delle correnti oceaniche sia di fondamentale importanza per molteplici motivi: dallo studio del clima all''innalzamento delle temperature, ma anche per la navigazione marittima, per gli studi sull'inquinamento delle acque e per le valutazioni di resa di impianti energetici offshore. Cliccando sul seguente link e mettendo il "MI PIACE" sarete ...
Continua a leggere...

ASTRONOMIA: la febbre di GIOVE [VIDEO]

Articolo del 1/08/2016 ore 14:23
Il pianeta GioveSecondo recenti studi, le temperature insolitamente elevate di Giove sarebbero da attribuire alla gigantesca macchia rossa presente sul Pianeta formatasi dalla più grande tempesta del Sistema Solare. Questa fonte di energia causerebbe un enorme riscaldamento della parte superiore dell'atmosfera. Un dato importante, che potrebbe aiutare ad analizzare situazioni simili presenti su Saturno, Urano, Nettuno e sugli altri pianeti giganti. A tal proposito, è stata realizzata una mappa di calore sull'intero pianeta, cercando anomalie che potrebbero confermare questa tesi. Gli appassionati attendono con fervore ulteriori novità. Cliccando sul seguente link e mettendo il "MI PIACE" sarete aggiornati in maniera ...
Continua a leggere...

PECORA DOLLY: godono di buona salute i quattro CLONI

Articolo del 28/07/2016 ore 14:48
La pecora Dolly con il suo creatore Un recente studio ha dimostrato che i quattro cloni della pecora Dolly, primo esperimento di clonazione nato nel 1996, godono di ottima salute. Le quattro pecore, dell'età compresa tra i 7 e i 9 anni (circa 60-70 anni umani) sono la dimostrazione di come i cloni possano godere di buona salute e vivere a lungo. Dolly era stata ottenuta mediante l'inserimento del nucleo di una cellula della ghiandola mammaria di una pecora adulta nell'ovocita di un'altra pecora. Una volta diventato embrione, venne poi trasferito nell'utero di una terza pecora. Dolly però, morì a poco più di 7 anni (nel 2003) per infezione polmonare. I problemi medici di questa pecora (a 5 anni mostrò i segni dell'osteoartrite) sol ...
Continua a leggere...

ESTATE, temporali IMPROVVISI! Ecco COME difendersi dai FULMINI [VIDEO ...

Articolo del 28/07/2016 ore 9:32
I fulmini, come difendersi in maniera efficaceNel corso dell'estate, dominata dall'alta pressione, possono svilupparsi fenomeni temporaleschi anche improvvisi e particolarmente violenti. Con questo articolo illustreremo alcune semplici regole che possono essere utili per difendersi dai fulmini e dai temporali estivi. TEMPORALI VIOLENTI- Le recenti cronache meteo hanno mostrato eventi estremi in varie parti del mondo, dove decine di persone sono morte in singoli eventi a causa dei fulmini. Dalla Francia all'India, tra Maggio e Giugno quasi un centinaio di persone sono morte e numerose sono rimaste ferite dopo essere state colpite dai fulmini. IMPORTANTI PRECAUZIONI - Innanzitutto bisogna partire dal presupposto che non esiste alcun posto sicuro: nel caso in cui ci t ...
Continua a leggere...

SCIENZA: TREMILA mondi ALIENI nel SISTEMA SOLARE [VIDEO]

Articolo del 26/07/2016 ore 14:33
Il nuovo pianeta si trova a 340 anni luce dalla TerraNel 1996 venne scoperto il primo pianeta extrasolare in orbita attorno alla stella 51 Pegasi b. Da quel momento ad ora il numero dei corpi celesti aumenta in maniera esponenziale. L'ultima scoperta riguarda un esopianeta appartenente ad un sistema stellare triplo. Questo pianeta, scoperto grazie ad un avanzatissimo telescopio cileno, è stato chiamato HD 131399Ab e si trova a 340 anni luce dalla Terra in direzione della costellazione del Centauro. Conta una massa pari a 4 volte quella di Giove e con la sua età di 16 milioni di anni è uno dei corpi celesti più giovani finora scoperti oltre ad essere uno dei pochi di cui si sia ottenuta un’immagine diretta. Il pianeta annovera una c ...
Continua a leggere...

ASTRONOMIA: URANO, il pianeta dove l'estate dura 42 anni [VIDEO]

Articolo del 22/07/2016 ore 15:01
Urano si differenzia dagli altri PianetiNel nostro Sistema Solare, Nettuno ed Urano annoverano caratteristiche piuttosto simili. Ma quest'ultimo annovera una particolare asse orbitale: infatti è quasi parallela rispetto a quella degli altri pianeti, che ce l'hanno perpendicolare. Urano è quasi parallelo. Questo implica che Urano ha un movimento che lo fa sembrare una sorta di trottola girata su un solo fianco. In questo modo mostra il medesimo lato al Sole per un periodo pari alla metà del percorso intorno alla stella. Di conseguenza l'estate su questo pianeta dura ben 42 anni. In questo periodo, metà del pianeta ha un luce perenne mentre dall’altro lato annovera buio assoluto. La temperatura è decisament ...
Continua a leggere...

SCIENZA: ecco quanta LUCE può emanare un lampo

Articolo del 21/07/2016 ore 14:33
Un collage tra la scena con e senza lampo Un fulmine ha la capacità di illuminare una scena notturna a giorno, se molto forte. Un fotografo è riuscito ad immortalare casualmente questo evento con la sua fotocamera: l'effetto è sbalorditivo. Secondo i calcoli del fotografo, il lampo ha colpito 2 o 3 chilometri a sud dal punto vicino all'acqua in cui si trovava ed è collocato sulla sinistra, fuori dall'inquadratura. Dalla mancanza totale di ombra intorno alla sedia, si può intuire che la luce bianca generata dal lampo era molto diffusa. Un fenomeno che lascia letteralmente a bocca aperta. Cliccando sul seguente link e mettendo il "MI PIACE" sarete aggiornati in maniera esclusiva ed automatica su tutte le nostre NEWS, ...
Continua a leggere...