Stagionali
Previsioni stagionali speciali su base ECMWF - (Reading UK)
TENDENZA TERMICA PER I PROSSIMI SEI MESI


Aggiornamento di Novembre 2018

Prossimo aggiornamento entro la prima decade di Dicembre (A cura di A. Sanò e D. Parolin)


 

Analisi mappe stagionali su dati ECMWF
ANOMALIE DELLE TEMPERATURE IN ITALIA
Arancio = +0,5/2 °C sopra media (più caldo) - Azzurro = -0,5/2 °C sotto media (più freddo) Bianco = nella media

Analisi delle mappe ECMWF di previsione stagionale per i prossimi sei mesi, ossia fino a Marzo 2019. Attendibilità: le previsioni stagionali hanno sempre avuto un'attendibilità molto bassa, sul 20-30%. Solo recentemente stanno avendo un maggiore interesse da parte della comunità scientifica con migliori risultati.
ANOMALIE TERMICHE a 2 m PER I PROSSIMI SEI MESI

 
Dicembre 2018 - Gennaio-Febbraio 2019
 
t-stagionove2018

L'aggiornamento del mese di Novembre prevede per l'Italia un mese di Dicembre 2018 con temperature sopra la media del periodo di 1-2°C, mentre Gennaio e Febbraio 2019 con valori in media, eccetto per la Puglia dove si nota un'anomalia positiva di 2°C circa. Sull'Europa gran parte del continente non mostra particolari anomalie, se non nel mese di Dicembre. Soltanto la Scandinavia e i settori sudorientali potrebbero misurare valori sopra la media.



Marzo-Aprile-Maggio 2019
t-stagionove2.2018


Per quanto riguarda la Primavera, il modello europeo prevede un graduale aumento dei valori termici su tutta Italia, infatti si nota l'anomalia positiva (più caldo) soprattutto al Nordovest, sull'alta Toscana e ancora sulla Puglia. In Europa, anomalie positive sulla Penisola iberica e parte del Regno Unito. Da una prima lettura si potrebbe intuire che nel periodo primaverile potrebbe avanzare un campo di alta pressione a matrice sub-tropicale.
 

CONCLUSIONI
 
L'aggiornamento di Novembre si discosta ancora dal precedente aggiornamento che vedeva anomalie positive di 2-3°C per tutto l'Inverno, invece il sopra media è previsto soltanto nel mese di Dicembre, dopo di che le temperature tornerebbero in media con l'ultimo ventennio. Per la stagione primaverile invece si nota un graduale aumento termico.
Infine, un accenno alle precipitazioni sul nostro Paese che non mostrano anomalie, per cui sono previste nella media per i prossimi sei mesi.